La città vicino alla luna

IN DIRETTA!

Salve a tutti! Se i server di Al tempo degli schiavi dovessero risultare sovraccarichi e irraggiungibili, sappiate che è la parte negativa dell’incredibile riscontro che il brano sta ottenendo! Per scaricarla, potete cliccare qui sotto!  Per chi l’ha acquistata negli ultimi sette giorni, è in arrivo un codice di download per “La notte che non viene”!

Al tempo degli schiavi – download mp3

Per chi invece arriva su questo sito dopo aver visto la TV e desidera acquistare il disco o singoli brani da iTunes, basta cliccare sulla copertina qui sotto

La Città Vicino Alla Luna, Tiziano Toniutti

Se invece voleste l’edizione in alta qualità su Bandcamp, è sufficiente cliccare sulla copertina sempre qui sotto!

La Città Vicino Alla Luna, Tiziano Toniutti

In entrambi i casi, grazie dal fondo e dal doppiofondo del cuore!

Oppio Clic

Internez è la nuova droga di massa, e il clic il suo veicolo di inoculazione primario. Ma la rivoluzione digitale stupisce: non solo il clic non si paga (tanto) come la dose di droga classica, ma può addirittura pagare chi clicca (ma purtroppo per voi, non è questo il caso). Parlando nello specifico di Flattr, cliccando sul pulsante qua sotto potrete far arrivare dei soldini per supportare “La città vicino alla luna” e la band che lo suona, che ha un sacco di spese benzina e anche prole da mantenere. Magicamente, il vostro clic non vi costerà nulla ma produrrà comunque un risultato economico. Flattr è un’idea geniale di uno dei fondatori di Pirate Bay. Se vi volete documentare su come funziona c’è un wiki, altrimenti cliccate qui sotto e basta, anche due volte!
[flattr
btn=”default”
tle=”La città vicino alla luna”
dsc=”Sostieni l’album”
cat=”audio”
url=”the URL of My Thing”
hdn=”0″]

Alla faccia della crisi

Questo è un ringraziametone per tutti quelli che hanno ascoltato ma che soprattutto molto venalmente spaccato il porcello per sostenere economicamente “La città vicino alla luna”. Ovviamente quelli delle vendite sono numeri piccoli in assoluto, ma è stupefacente come un album realizzato fuori da un contesto industriale e quindi senza strutture classiche a produrlo e sorreggerlo, vada avanti (in crescita) dal giorno dell’uscita. Ci sono giorni di flessione, alternati a periodi di download costante, il che convince sempre più a mantenere almeno questo progetto totalmente nel dominio del cosiddetto “2.0”, anche se qualche interesse esterno c’è stato (ma niente di che, a conferma dell’incompatibilità dei piani spaziotemporali). E per chi vuole saperlo no, nessuno finora ha sganciato i novecentonovantanove euro!